Volvo Concept 26, come “guideremo” in futuro


v

Al salone di Los Angeles Volvo non porta modelli in anteprima ma solo un concept di interni. Questo concept mostra come potrebbero essere gli interni delle auto e come sarà guidare in futuro. Volvo ha sviluppato Concept 26, il nome riflette la media di tempo del percorso giornaliero dei pendolari per andare al lavoro (basato sui tempi di spostamento in USA), tempo che potrebbe essere speso a fare qualcosa di più significativo che stare seduti nel traffico a singhiozzo delle città.

Volvo lascia così decidere al conducente come e quando godersi l’esperienza di guida, oppure delegare la guida alla macchina quando si vuole sfruttare il tempo a disposizione per fare qualcosa di diverso.
Quando il conducente lascia la guida alla vettura, il volante si ritrae, il sedile si reclina e un ampio display emerge dal cruscotto consentendo al guidatore di godersi il tempo trascorso in auto come più gli aggrada. Concept 26 abbraccia la necessità di un cambiamento radicale del disegno di base dell’abitacolo e fornisce uno spazio che può essere utilizzato come desiderano il conducente e il passeggero. Ovviamente la strumentazione è iper tecnologica con tablet nella console centrale e di fronte il posto del passeggero, il design è minimale ma futuristico.

“Abbiamo fatto di tutto per comprendere le sfide e le opportunità che le auto autonome porteranno alle persone nei prossimi anni, e il nostro approccio flessibile per ingegneria e design, e la nostra architettura di prodotto scalabile, ci permettono facilmente di portare tutto questo dal concept alla realtà “, ha detto Peter Mertens, Senior Vice President dell’ area Ricerca e Sviluppo di Volvo Car Group. Il progetto di ricerca di Drive Me, che vedrà una flotta di vetture completamente autonome con alla guida clienti reali sulle strade di Göteborg nel 2017, è un’ulteriore prova che Volvo è leader nella tecnologia di guida autonoma.

In futuro, quindi, il conducente sarà tale quando avrà voglia di guidare, altrimenti potrà lavorare o svagarsi durante i tragitti quotidiani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *